Ericsson misura le città più «smart» del pianeta. Roma a metà classifica fra le capitali più vivibili

Le richieste dei cittadini romani per vedersi migliorata la qualità della vita grazie alle tecnologie sono molto più simili a quelle degli abitanti delle megalopoli che alle necessità avvertite dai cittadini delle città del Nord Europa. E in una classifica dei centri resi più vivibili grazie all’uso delle tecnologie, Roma è al 21esimo posto, fra 40 città prese in esame.

Digitalizzazione e vivibilità sono insomma concetti che allontanano la capitale italiana dalle smart cities, stando al combinato disposto di due report resi noti da Ericsson nel corso del Business innovation forum che si è tenuto a Stoccolma dal 5 al 7 novembre. Il Networked society city index (qui lo studio) miscela indicatori che vanno dalla salute, all’istruzione, a rispetto dell’ambiente per costruire un ranking fra 40 città. Il tutto per dimostrare la correlazione la diffusione delle tecnologie e lo sviluppo sostenibile delle città.

Le prime cinque città in classifica sono rimaste le stesse rispetto alla precedente rilevazione (Stoccolma, Londra, Parigi, Singapore e Copenaghen). Dietro a Roma ci sono città come Pechino, Istanbul, San Paolo (qui un’infografica con il ranking). A penalizzare Roma è la dotazione di infrastrutture, l’ancora basso ultilizzo di Internet che è sotto la media delle città europee e il livello generale di “education” della popolazione. Ma l’ambiente complessivo per lo sviluppo delle tecnologie e per l’utilizzo a misura d’uomo delle stesse tecnologie Ict è considerato buono (qui la spiegazione città per città).

Altro report diffuso nella tre giorni a Stoccolma è quello sugli “Smart citizens”. Un rapporto questo – frutto di un’indagine che ha coinvolto 9.030 utenti iPhone e Android tra 15 e 69 anni, residenti a Pechino, Delhi, Londra, New York, Parigi, Roma, San Paolo, Stoccolma e Tokyo – per mostrare, anche praticamente, come le aspettative e la percezione dei cittadini del mondo sia cambiata grazie all’uso dell’Ict e delle tecnologie mobili. Nel complesso dell’indagine statistica il 76% degli intervistati auspica l’uso di sensori negli spazi pubblici, per regolare la viabilità e i parcheggi; il 66% chiede il controllo dell’acqua potabile in real time e il 74% punta su bike e car sharing e su segnali stradali interattivi e non più fissi. In questo studio si può vedere proprio come le risposte dei romani siano molto più prossime a quelle di Dehli o Pechino (tranne che per il controllo della qualità dell’acqua), più che a quelle dei cittadini di Londra e Stoccolma.

Tratto da: http://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2014-11-10/ericsson-fotografa-smartness-citta-roma-meta-classifica-le-capitali-piu-vivibili-120222.shtml?uuid=ABCJjGCC&fromSearch

Domenico Terlizzi presidente del Consiglio dei rappresentanti degli studenti Unipegaso.

Administrator

Corrado Faletti è giornalista dal 2003; ha scritto articoli per importanti quotidiani e per riviste di settore scientifico, oggi è Direttore Responsabile di Betapress.it, ha scritto più di 16 libri tra cui il primo libro in Italia sulle banche virtuali, e molte pubblicazioni riguardano la formazione innovativa. Ha lavorato in banca dal 1991 fino al 2007, la sua ultima esperienza è stata proprio in banca Marche ove per primo segnalò lo stato di pericolo in cui la Banca si era venuta a trovare. Dal 2009 al 2012 è stato dirigente del ministero dell’istruzione università e ricerca e si è occupato di organizzazione scolastica, controllo di gestione e fondi europei. Proprio il suo ruolo di capo degli ispettori dei fondi (era responsabile dell’autorità di audit) lo ha portato a ridisegnare il meccanismo dei controlli permettendo di rilevare gravissimi malcostumi nella gestione dei fondi stessi. Per la sua attività preso il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca ha ricevuto una lettera di encomio Oggi è Presidente di una società che realizza modelli di business e di controllo per le Banche ed il mondo finanziario, tiene corsi di formazione e convegni in tutta Italia, ed è editore capo presso la casa editrice CCeditore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi