NOTA PER GLI STUDENTI

Il Rettore

Cari studenti,

come noto la normativa Anvur prevede che gli studenti facciano parte integrante della vita dell’Ateneo, contribuiscano alle decisioni inerenti la gestione dei Corsi di studio, segnalino eventuali anomalie e propongano soluzioni e modalità migliorative, non solo relativamente alla qualità e quantità dei servizi specifici, ma anche attraverso il contributo propositivo alla messa a punto di procedure razionali e innovative del trasferimento di conoscenze. Pertanto, partecipare alla vita degli Organismi di Ateneo è anzitutto un diritto degli studenti.

Per assicurare tale diritto l’Ateneo è impegnato a svolgere le sue attività nel contesto dell’Assicurazione Qualità coinvolgendo gli studenti nelle decisioni che li riguardano, il che richiede una partecipazione in termini formali ai diversi organismi preposti.

In questa fase, dopo le due precedenti tornate elettorali che hanno determinato una risposta soltanto parziale delle candidature, gli organismi che prevedono la partecipazione degli studenti, rimasti vacanti, sono i Corsi di Studio L15-Scienze turistiche; LM47- Management dello Sport e delle Attività Motorie; LM56-Scienze Economiche; LM85-Scienze Pedagogiche. Gli organismi collegiali dei Corsi di Studio sovrintendono alla gestione complessiva delle attività, dalla progettazione all’autovalutazione, attraverso la Scheda annuale di monitoraggio e il Riesame ciclico. Sono costituiti da n. 6 membri, di cui un membro appartiene alla componente studentesca. Attraverso il Gruppo dell’autovalutazione, si occupano altresì del monitoraggio complessivo dell’andamento del Corso di studio, segnalando anomalie eventuali ed indicando soluzioni agli organi di governo preposti. Per garantire il miglioramento continuo dei CdS gli organismi collegiali dovrebbero riunirsi con una frequenza almeno bimestrale.

I doveri dei componenti degli organismi collegiali dei Corsi di Studio prevedono:

– la partecipazione alle riunioni convocate anche per via telematica
– la decadenza automatica dagli organismi per gli studenti che conseguono la laurea.

Sono esclusi dall’elettorato passivo coloro che, pur rivestendo lo status di studente, non risultano in regola con tutti i versamenti dovuti; sono invece ammessi all’elettorato passivo, eccezionalmente per questa fase, anche coloro per i quali residua meno di un anno alla conclusione della carriera ovvero che residuano in un numero di CFU inferiore a 60 nonché i frequentanti i corsi di alta formazione (Master) propedeutici al Corso di Studi oggetto di candidatura/cooptazione.

L’Università Telematica Pegaso, rivolge agli studenti interessati l’invito a candidarsi per partecipare come componenti effettivi agli organismi dell’Ateneo sopra richiamati.

La candidatura non richiede altra formalità, se non una domanda indirizzata al Magnifico Rettore, contenente i dati anagrafici del candidato e il Corso di Studi per il quale ci si candida che deve coincidere con il Corso di Studi frequentato. E’ facoltativa la possibilità di illustrare una breve motivazione della candidatura.

Le candidature dovranno pervenire, esclusivamente per via telematica, indirizzate a: rettore, entro il termine di 7 giorni, a partire dalla data di pubblicazione del presente avviso.

Una commissione composta dal Rettore o da un suo delegato, da un docente e da uno studente effettuerà la selezione delle candidature pervenute.

Napoli, 28 maggio 2018

Il Rettore
(Prof. Alessandro Bianchi)

Domenico Terlizzi presidente del Consiglio dei rappresentanti degli studenti Unipegaso

Administrator

Corrado Faletti è giornalista dal 2003; ha scritto articoli per importanti quotidiani e per riviste di settore scientifico, oggi è Direttore Responsabile di Betapress.it, ha scritto più di 16 libri tra cui il primo libro in Italia sulle banche virtuali, e molte pubblicazioni riguardano la formazione innovativa. Ha lavorato in banca dal 1991 fino al 2007, la sua ultima esperienza è stata proprio in banca Marche ove per primo segnalò lo stato di pericolo in cui la Banca si era venuta a trovare. Dal 2009 al 2012 è stato dirigente del ministero dell’istruzione università e ricerca e si è occupato di organizzazione scolastica, controllo di gestione e fondi europei. Proprio il suo ruolo di capo degli ispettori dei fondi (era responsabile dell’autorità di audit) lo ha portato a ridisegnare il meccanismo dei controlli permettendo di rilevare gravissimi malcostumi nella gestione dei fondi stessi. Per la sua attività preso il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca ha ricevuto una lettera di encomio Oggi è Presidente di una società che realizza modelli di business e di controllo per le Banche ed il mondo finanziario, tiene corsi di formazione e convegni in tutta Italia, ed è editore capo presso la casa editrice CCeditore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi